Gustavo Porta<Gustavo Porta tenore>
news Gustavo Porta

16, 19, 21 e 23 ottobre

Teatro di San Carlo, Napoli

ADRIANA LECOUVRER (Maurizio di Sassonia)

Direttore: Daniel Oren
Regia: Lorenzo Mariani


 

Italiano doc pdfEnglish doc pdfDeutsch doc pdfEspañol doc pdf

Nato a Corrilobo (Cordoba - Argentina), ha iniziato gli studi nel Conservatorio della sua città natale perfezionandosi poi all'Istituto Superiore d'Arte del Teatro Colón di Buenos Aires. Ha seguito successivamente dei corsi d'interpretazione e tecnica vocale con Regine Crespin e Guillermo Opitz. Nel 1996 debutta al Teatro Colón di Buenos Aires, esibendosi in seguito, sempre in Argentina, al Teatro Argentino de la Plata e al Teatro El Circulo di Rosario.

Nel 1999 si trasferisce in Italia e debutta nel Don José nella Carmen a Padova e nel 2001, con I Vespri Siciliani a Darmstadt (Germania), inizia una carriera che lo porta a esibirsi in vari titoli del repertorio lirico e spinto presso importanti teatri in Italia e all'estero collaborando con registi di fama mondiale quali Franco Zeffirelli (Aida a Roma e Firenze) e Pierluigi Pizzi (Aroldo a Piacenza); e direttori d'orchestra quali Richard Bonynge (I lombardi alla prima crociata al Colón di Buenos Aires), Rafael Frühbeck de Burgos (Carmen a Tel Aviv e La vida breve a Oslo e Bergen) e Yves Abel (Carmen a Cagliari). Di particolare rilievo poi il debutto spagnolo al Teatro Real di Madrid con La Dolores di Bretón e al Liceu di Barcellona ne Le Villi di Puccini.

Nel 2006 oltre al debutto nel Trovatore di Verdi al Festival di Avenches (Svizzera), inizia la collaborazione con la Deutsche Oper di Berlino, prima per Manon Lescaut di Puccini e Germania di Franchetti (entrambe le opere eseguite sotto la direzione di Renato Palumbo), poi per Cassandra di Gnecchi e Aida di Verdi. I ruoli di Foresto in Attila (Petruzzelli di Bari), Dick Johnson nella La fanciulla del West (Teatro Nazionale di Praga) e Andrea Chénier a Lecce vanno ad aggiungersi al suo già vasto repertorio. Si moltiplicano gli inviti in Germania con Tosca a Frankfurt, Manon Lescaut a Lipsia ed ancora Aida alla Deutsche Oper di Berlino, in Svizzera con Giovanna D'Arco a St. Gallen e in Francia per Fedra di Pizzetti al Festival di Montpellier.

Dopo il fortunato debutto al Maggio Musicale Fiorentino con Tosca e Cavalleria rusticana, nella passata stagione, Gustavo Porta ha consolidato la sua presenza sui maggiori palcoscenici tedeschi ed europei (Francoforte, Berlino, Lipsia, Palermo, Varsavia, Budapest, etc...) in titoli come Carmen, Madama Butterfly, Tosca, Cavalleria Rusticana, Manon Lescaut e Simon Boccanegra.

Negli ultimi anni tra i suoi impegni più rilevanti possiamo ricordare il suo debutto nel Faust del Mefistofele di A.Boito nell' Opera di Frankfurt e Montpellier; il Tabarro a Düsseldorf e il Trovatore a Palermo; dopo il suo debutto nel ruolo di Canio ne I Pagliacci a Tel Aviv viene invitato a cantare lo stesso ruolo alla Start Opera di Vienna , ottenendo un caloroso consenso di pubblico e critiche. Successivamente canta il Don José, nella Carmen, nel Festival di Masada, Israele, sotto la direzione del M° D.Oren, e debutta il ruolo di Hagenbach nell'La Wally nella Repubblica Ceca. Ha inaugurato il 2013 con due grandi successi: a Torino con l' Andrea Chenier, diretto dal M° R.Palumbo e a Tel Aviv con il suo debutto nel ruolo di Otello.

Tra i suoi prossimi impegni possiamo citare Aida nel Festival di Wetzikon, Svizzera, Don Carlo e Requiem di Verdi a Varsavia, I Pagliacci e Manon Lescaut a Tokyo, Racconti di Hoffmann e Forza del Destino a Tel Aviv , I Pagliacci a Pechino ed Ernani in Belgio.




Ultimo aggiornamento giugno 2013
Si prega di distruggere eventuali versioni precedenti

 
 

© 2008 Punto Opera. Tutti i diritti riservati.
Webmaster